Blocco farmacologico dalle droghe nella clinica MedicoMente

La tossicodipendenza è una delle più grandi e, ahimè, dei problemi progredenti. Le droghe nuocciono alla salute non solo fisico, ma e mentale, che porta a degradazione di persona ed a invalidità fisica. Uno delle soluzioni più efficaci di risolvere quest problema è – blocco farmacologico, che si applica a terapia globale per la cura della dipendenza dalle droghe.

 


Il inserimento rappresenta il impianto la capsula sotto la pelle o il iniezione intramuscolare del farmaco con il effetto prolungato, il quale rilascia lentamente e blocca il lavoro di ricettori oppiacei nel corpo, rendendole resistenti al effetto di narcotici. Questo fa inutile uso di droghe, perché una dose non poter fare un piacere.

 


Il Blocco Farmacologico dalla tossicodipendenza è usata per le droghe del gruppo degli oppioidi:

 

  • Naturali – morfina, codeina, tenzin;
  • Semisintetici – eroina, etilmorfina, laudano (oppio);
  • Sintetici – promedolo, tramadolo, metadone.

Come si svolge una procedura

Il inserimento di un’ampolla o un infusione del farmaco in forma d’iniezione intramuscolare con un farmaco si svolge in più fasi:

 


1 fase. Un paziente tossicodipendente deve smettere volutamente dall’uso di droghe al periodo da 2 a 4 settimane (dipendentemente da tipo di droghe e da periodo di suo dimezzamento da corpo).

 

2 fase. Il rifiuto da una dose spesso si porta ai sintomi acuti d’astinenza e a quel punto raccomandato fare UROD (Disintossicazione Molto Rapida da Oppioidi), attiva terapia infussionale, plasmoferesi ed altri procedure per una pulizia del corpo.

 

3 fase. Quando gli esami di controllo e gli analisi faranno vedere una mancanza di prodotti di dimezzamento nel corpo, si inocula un iniezione intramuscolare oppure si svolge il inserimento dalle droghe. Questo è un’operazione chirurgica, il qual consiste nel un’incisione a strati di pelle in punti quasi inaccessibili (la parte bassa della parete addominale, il braccio, la natica), il inserimento di capsula, I punti di sutura ed una fascia asettica.

 

4 fase. Il trattamento complessivo per mantenere e attaccamento di un risultato.

Quali farmaci ed impianti si usa

I preparati farmacologici, quali permettono a liberarsi dalla dipendenza fisica, si chiamano i bloccanti oppure gli antagonisti completi. Il Suo azione consiste nel bloccare i ricettori degli oppiacei ed incapacità di ottenere un piacere ed euforia dalla dose, cos’è il principale stimolo per il uso di droghe.

 


I farmaci, quali si incula per via intramuscolare oppure si inserisce sotto la pelle, hanno il sostanze attivo – naltrexone cloridrato (“Naltrxone”, “Vivitrol”, “antaxon” ecc). Gli impianti sterili possono essere nella forma di capsula, di pillole o di cilindro, che contengono una dose fissata. Il farmaco gradualmente rilascia nel flusso sanguigno, nel fegato, dove si trasforma in un metabolita attivo e blocca il recettori degli oppioidi.

 


Il tempo d’azione attività della forma farmaceutica impiantabile dipende dal farmaco e il concentramento di naltrexone nel esso. 800 mg d’ingrediente attivo per il inserimento sottocutaneo funziona entro 80 giorni, 1000 mg – 100 giorni, 1600 mg – 150 giorni, 2000 mg – 200 giorni.

 


Alcuni di ospedali usano Naltrxone per il inserimento dall’alcolismo. Pero la sua efficienza in questo caso viene messa in discussione da tanti studi clinici. Nella clinica “MedicoMente” per il inserimento di pazienti con la dipendenza d’alcol usano I farmaci «Disulfiram», «Esperale», «Teth-Lungo 250» ed altri.

Attenzione! State attenti ai truffatori!

Come non diventare una vittima di dottori senza scrupoli e di pseudo clinici:

 

  • Scegliendo una clinica, chiedete la licenza per il attività medicale;
  • Necessariamente controllate un imballaggio di un farmaco prima di un’operazione – lei deve essere non è aperta e avere il certificato di qualità. Questo garantisce, che a un paziente non inoculano «un falso»;
  • Nella clinica si devono tutti condizioni per fare l’intervento del inserimento, obbligatoria presenza di una sala operatoria sterile;
  • Il dottore deve avere le abilità speciali per il inserimento d’impianto;
  • Tranne gli impianti, i blocchi vengono rilegati a forma di pillole e a forma di soluzione per le iniezioni intramuscolari. Non esistono gli impianti prolungati e i blocchi per le iniezioni intramuscolari!

Possibili effetti collaterali

Dopo l’iniezione di medicine nel corpo è possibile un segno degli effetti collaterali nelle prime 24 ore, si manifestano come:

 

  • Disturbi del sonno;
  • Debolezza muscolare;
  • Iperidrosi;
  • Senso d’ansia;
  • Disagio nella parte del tratto gastroenterico.

 

 

Dopo l’inizio di azione di farmaco (neanche nel primi giorni), I pazienti possono prendere una dosa solita di droga, pero non ottenere il piacere atteso dal suo uso. Molte dopo questo si sono fermati. Pero se un paziente non è pronto di rinunciare dalle droghe e volesse provare di aumentare una dose, questo può causare alle conseguenze irreversibili: l’arresto respiratorio, l’insufficienza cardiaca congestizia e di conseguenza – al morto.

 


Il inserimento dalle droghe non provoca niente assuefazione oppure dipendenza da lui, pero fornisce solo una influenza proiettiva sullo corpo, ecco perchè se necessario, un dottore può ripetere un infusione di farmaco quando scade il suo validità.

Quando la procedura sarà efficace di massima

Il inserimento di antagonisti (inibitori, impianti) di oppioidi medicinali può avvenire esclusivamente dopo il disintossicazione completa del corpo dalle droghe!

 


Un specialista perito sempre prima di un prosecco del inserimento farà un test fisiologico, il quale comporta preventivo un infusione endovenosa di farmaci Nalaxone e Naltrexone in tavolette. Questo permetterà valutare il disponibilità di un paziente al inserimento.

 


Non dovrebbe evitare questa procedura, perchè, quando si inocula il medicinale nel corpo a base di naltrexone a un paziente il quale ha «non pulite» corpo, in sottosfondo di sostanze con contenuto di oppiacei, immediatamente provocherà i sintomi espressi d’astinenza – crisi d’astinenza. Rimuovere il impianto dal corpo è molto difficile d’instalarlo!!!

 


Il inserimento d’impianto da dipendenza ed il infusione possono essere proficui solo con l’osservanza delle regole e di tutti fasi di trattamento. Il momento importante è la libera decisione di fare il inserimento l’impianto, affinché non ritornare alle droghe.

 


I blocchi aiutano a superare fisica e in un certo senso, mentale dipendenza, però un trattamento completo deve includere un psicocorrezione e una psicoterapia, per trovare e lavorare quelli ragione, i quali hanno portato a formazione della dipendenza, imparare a vivere una vita sana e pulita, ricostruire i relazioni con una famiglia e gli intimi.

Come cambia una vita dopo il inserimento

Tranne che un paziente si libera da dipendenza fisica alle droghe, il inserimento ed un’ulteriore riabilitazione, influenzano migliorativo alla salute e alla condizione mentale ed emotiva:

 

  • Si attivano i meccanismi fisiologiche di recupero del corpo.
  • Si stabilizza il stati fisico e psicologico.
  • Si migliora la salute generale.
  • Si aumenta il produttività.
  • Si tappa una possibilità di rivedere la visione del mondo e prendere una decisione di cambiarla radicalmente!

Il inserimento dalla dipendenza dalle droghe nel “MedicoMente”

Nel centro moderno della cura della dipendenza “MedicoMente” in Kiev sono stati create le tutte condizioni per una terapia di successo dalla dipendenza dagli oppiacei con l’aiuto del inserimento di farmaci-blocchi. I dottori esperti contano esattamente le dosi di cura, per ridurre massimo il rischio di presenza gli effetti collaterali.

 


Un paziente riceve:

 

  • Una consultazione con un dottore esperto in narcologia e con un psicologo.
  • UROD ed altre procedure (un disintossicazione ed un purificazione del corpo).
  • Inserimento ed infusione gli farmaci certificati.
  • Un controllo dal personale medico dopo l’inserimento.
  • Un programma complessiva per una riabilitazione (in ambulatorio e nel ospedaliero).
  • Disponibile un soggiorno nelle stanze d’albergo con TV, Wi-Fi, aree di servizio, palestra.

 


Il inserimento dalle droghe nel «MedicoMente» – è una procedura sicura, la quale si svolge sotto un controllo di un dottore specialista ed il passo importante alla guarigione completa da una tossicodipendenza.

 

 

Opzioni di registrazione:

Il nostro narcologo si trova a Kiev all’indirizzo:
08340, regione di Kiev, distretto di Boryspil, villaggio di Gnedin s/t “Kalina”, str.Medova, 10.

Recensioni dei pazienti sul trattamento della dipendenza

Altri trattamenti

La terapia con Ibogaina della tossicodipendenza nella clinica MedicoMente

La terapia con Ibogaina è stata considerata il metodo efficacio della cura alternativa della dipendenza da narcotici. Il Alcaloide, che proviene da corteccia di radice d’Iboga agisce sui recettori della serotonina e degli oppioidi, il che riduce il loro sensibilità e il che blocca l’attacco d’euforia. Il effetto psichedelico del…

Leggi di più
Blocco farmacologico dalle droghe nella clinica MedicoMente

La tossicodipendenza è una delle più grandi e, ahimè, dei problemi progredenti. Le droghe nuocciono alla salute non solo fisico, ma e mentale, che porta a degradazione di persona ed a invalidità fisica. Uno delle soluzioni più efficaci di risolvere quest problema è – blocco farmacologico, che si applica a…

Leggi di più
Trattamento della dipendenza da psicostimolanti nella clinica MedicoMente

Il ritmo veloce della vita moderna, lo stress e l’insoddisfazione generale spingono le persone a cercare i vari stimolanti. Alcuni sono dipendenti dal fumo di una miscela di piante essiccate, altri bevono molto e altri ancora scelgono psicostimolanti. Ahimè, questo non porta il risultato atteso, ma ancor di più trascina…

Leggi di più
Trattamento della dipendenza d’antidepressivi nella clinica MedicoMente

Gli antidepressivi sono i farmaci psicotropi che normalizzano il sistema mentale e nervoso. Mirano ai sui neurotrasmettitori, riducono la gravità dei sintomi depressivi e migliorano le capacità cognitive. Alcuni degli antidepressivi hanno un marcato effetto analgesico.

Leggi di più