L’efficacia dell’ibogaina nel trattamento della tossicodipendenza, dell’alcolismo, del depressione

Cos’è la terapia con ibogaina?

Qualsiasi dipendenza, che sia narcotica, alcolica o di gioco (gioco d’azzardo) è principalmente una dipendenza mentale. Sbarazzarsi di lei non è così facile. Una persona sviluppa un modello di comportamento dipendente e riflessi stabili. Le solite tecniche e lunghe lezioni sulla psicocorrezione non danno sempre il risultato desiderato.

 

La terapia con ibogaina si riferisce a metodi alternativi di trattamento delle dipendenze di vario tipo. Un breve ciclo (a breve termine) può cambiare radicalmente la coscienza di una persona, aiutare a comprendere consapevolmente i suoi problemi interni, lasciare alcol, droghe e dipendenze al gioco d’azzardo. In questo caso, l’ibogaina stessa non crea dipendenza.

A proposito di ibogaine

L’ibogaina è una sostanza psicoattiva di origine naturale (estratto di radice di iboga), che per molti secoli è stata utilizzata per scopi medicinali e rituali nell’Africa occidentale.

 

A piccole dosi, la sostanza agisce come stimolante – rimuove l’affaticamento, migliora l’energia. Se il dosaggio è più alto, una persona ottiene un effetto che ricorda un sogno durante la veglia – vede sogni e ricordi vividi precedentemente soppiantati dal subconscio.

Studi

A livello scientifico, l’azione di questa sostanza ha iniziato ad essere studiata negli anni ’60 del secolo scorso. Nel corso della ricerca, è stato scoperto che l’ibogaina assiste nella percezione oggettiva di esperienze difficili e aiuta a chiudere i conflitti emotivamente irrisolti. L’accertamento dell’effetto di eliminare le voglie di assunzione di farmaci psicotropi senza sindrome da astinenza (sindrome da astinenza) è stato accidentale. Questo evento è accaduto nel 1962.

 

NIDA (US National Anti-Drug Institute) ha iniziato a sviluppare l’ibogaina nei primi anni ’90. Si è completamente assunto il finanziamento di studi preclinici sul farmaco negli animali e, dopo una comprovata sicurezza, i test clinici sugli esseri umani condotti presso l’Università di Miami. I risultati sono stati ottenuti, da cui è seguito che l’ibogaina sopprime la necessità del cervello di oppiacei, stimolanti e alcool, riduce significativamente i sintomi dei sintomi di astinenza nella dipendenza da oppiacei. È stato dimostrato che il farmaco non ha un effetto neurotossico, riduce efficacemente la tolleranza all’alcol e agli oppiacei (la sensibilità del recettore torna al suo stato iniziale).

L’efficacia di ibogaina

MAPS (Associazione multidisciplinare di ricerca psichedelica) ha condotto studi che hanno dimostrato l’efficacia della terapia con Ibogaina. Secondo i risultati dell’80-85% dei pazienti per almeno un anno dopo la procedura non è tornato a prendere farmaci psicotropi.

 

Numerosi studi sono stati condotti anche in Brasile. Hanno dimostrato che il 61% dei pazienti sottoposti a trattamento complesso (ibogaina in combinazione con psicoterapia) ha smesso consapevolmente di assumere cocaina, crack, cannabis e alcool. Oltre al fatto che la quantità di sostanze tossiche e le conseguenze negative associate all’uso di sostanze stupefacenti è ridotta, c’è stato un miglioramento delle condizioni generali della persona, dei suoi rapporti con i propri cari, della sua posizione nella società e del lato finanziario.

 

Dopo la disintossicazione con l’uso di ibogaina, l’astinenza assoluta dall’assunzione di sostanze psicotrope viene osservata molto più spesso rispetto al trattamento secondo altri protocolli tradizionali.

Sicurezza dell’ibogaina

La principale condizione di sicurezza è la costante supervisione medica durante l’intero corso del trattamento, un esame completo del paziente, che viene effettuato nel centro medico MedicoMente.


Controindicazioni per l’uso:

 

  • cardiomiopatia;
  • difetti cardiaci congeniti;
  • aritmia;
  • insufficienza cardiaca;
  • trombosi;
  • anemia;
  • ictus e altre patologie vascolari;
  • gravi disturbi mentali.

 

Un prerequisito è lo svolgimento di una disintossicazione preliminare completa, necessaria per prevenire gravi conseguenze con gli effetti combinati sul corpo di droghe, alcool e ibogaina. Soprattutto se sono stati presi psicostimolanti e / o oppiacei a lungo termine.


È importante capire che l’autotrattamento con ibogaina è pericoloso e non viene raccomandato categoricamente. Ottenere il risultato atteso e non danneggiare la salute si può solo assumendo il farmaco sotto controllo medico in un centro medico, utilizzando materie prime vegetali non raffinate.

Recensioni dei pazienti sul trattamento della dipendenza

Altri trattamenti

Trattamento della dipendenza d’antidepressivi nella clinica MedicoMente

Gli antidepressivi sono i farmaci psicotropi che normalizzano il sistema mentale e nervoso. Mirano ai sui neurotrasmettitori, riducono la gravità dei sintomi depressivi e migliorano le capacità cognitive. Alcuni degli antidepressivi hanno un marcato effetto analgesico.

Leggi di più
Trattamento della sindrome post traumatica (SPT) nella clinica MedicoMente

Nella vita di ogni persona ci sono eventi che in un modo o nell’altro lasciano un segno nel suo stato mentale. Se lo shock è stato particolarmente forte o la persona ha un background emotivo instabile, allora potrebbe sviluppare SPT – sindrome post-traumatica.

Leggi di più
Trattamento della dipendenza da benzodiazepine nella clinica MedicoMente

Le benzodiazepine sono usate frequentemente con effetti sedativi, ipnotici, anticonvulsivanti e ansiolitici. Questi farmaci riducono l’attività dei neuroni, fornendo un pronunciato effetto sedativo.

Leggi di più
Trattamento della dipendenza da oppiacei | MedicoMente

Gli oppiacei sono noti all’umanità da molto tempo. Erano usati come sedativi e anestetici. Ma, a causa delle complicazioni e della rapida dipendenza, questo gruppo di droghe è passato alla categoria delle droghe pesanti e l’uso in medicina è sotto indicazioni rigide e controllo rigoroso. La nostra clinica aiuta correttamente…

Leggi di più