Blocco farmacologico dall’alcol (trattamento dell’alcolismo) nella clinica MedicoMente

Il metodo d’inserimento dell’impianto dall’alcolismo è ora il più comune e si svolge sia per consolidare un risultato stabile del trattamento ospedaliero, sia come un metodo indipendente che usano per una cura le persone che abusano attivamente di alcol. Grazie all’uso di farmaci moderni e ai modi dei somministrazione, appartiene al metodo più efficace, basato sull’evidenza e giustificato per il trattamento della dipendenza da alcol.

Di che cosa stiamo parlando?

Blocco farmacologico dall’alcol – inserimento (introduzione) nel corpo di preparati a base di Disulfirame (Disulfirama Esperal, Tet Long, Antabuse, ecc.), La cui azione si basa su un blocco chimico nel corpo dell’enzima alcol deidrogenasi – l’attività ossidativa dell’etanolo è bloccata, il processo di decomposizione nel corpo di sostanze altamente tossiche contenenti alcol-etanolo dei loro metaboliti e prodotti di decadimento. Questo è l’unico metodo adeguato e giustificato che garantisce una protezione continua stabile del corpo dall’alcol, migliora l’effetto terapeutico della cura principale.

Bloccanti dall’alcol e loro varietà

Gli impianti sono essenzialmente nuovi nel loro effetto forme estese di farmaci antialcolici farmacologici a lunga durata d’azione, la cui presenza nel corpo umano crea una concentrazione costante (deposito) del farmaco nel sangue. Dipende dalla forma e dalla durata dell’esposizione attiva (emivita), esiste sotto forma di iniezione di deposito “colpo d’alcol” – una sospensione del principio attivo Disulfirame in una soluzione oleosa per somministrazione intramuscolare (periodo di validità da 1 a 2 mesi), un impianto in forma di capsule con un alto contenuto di principio attivo – vengono suturati mediante chirurgia “inserimento dall’alcol” nel muscolo o nel tessuto adiposo (il periodo di esposizione attiva va da 6 a 12 mesi).

Farmaci alternativi per il trattamento dell’alcolismo

Non dimenticare che i suddetti farmaci sono disponibili in forma di compresse e in forma di soluzioni acquose: si applicano per l’uso orale quotidiano. Ma spesso la loro efficacia è molto inferiore alle forme di deposito prolungate (impianti anti-alcol). Innanzitutto, l’emivita e il periodo di eliminazione dal corpo è di 12-24 ore. In secondo luogo, la loro bassa efficienza sia collegato a ciò che i pazienti semplicemente dimenticano o smettono deliberatamente di prenderlo.

Di che si usa

I farmaci utilizzati per un inserimento dell’impianto d’alcol – Disulfiram o Esperal, creano una concentrazione terapeutica costante del bloccante nel corpo, inibendo il processo di degradazione dell’alcol a livello biochimico. In caso di un’entrata di alcol o prodotti alimentari con il suo contenuto nel sangue, sullo sfondo della protezione del disulfiram, si emerge una risposta istantanea – sintomi di intossicazione acuta d’alcol (avvelenamento), che si manifesta con:

 

  • Capogiro drastico e astenia fisica, brivido, visione doppia;
  • Reazione cutanea – prurito in tutto il corpo, orticaria, iperidrosi;
  • Nausea, voglia di vomitare e spesso espressa anafora abbondante;
  • Reazione cardiale – acuta insufficienza cardiaca;
  • Fiato corto, attacco da soffocamento fino alla completa mancanza di respiro;
  • Turbazione o perdita di coscienza – spesso collasso, sopore, coma.

 


Questi sintomi sono estremamente spiacevoli, pericolosi per l’uomo e possono portare a conseguenze irreversibili!!!

L’uso degli impianti in narcologia

Spesso in narcologia il metodo “inserimento” si applica anche per le persone che soffrono di tossicodipendenza, tecnicamente il principio della procedura è simile al “inserimento d’alcol”, ma in questi casi, si usa una forma di inserimento della droga a base di Naltrexone (Naltrexone, Antokson, Vivitrol) – un bloccante del recettore oppioide nocicettivo competitivo e un sistema antinocicettivo. Si lega direttamente con i recettori oppioidi, in caso di assunzione esogena di sostanze contenenti oppio nella fase iniziale, non provoca intossicazione da farmaci, euforia, e in caso di aumento della loro concentrazione nel sangue, provoca un forte avvelenamento (overdose) con depressione della respirazione e dell’attività cardiaca. Più efficace nella cura della dipendenza da oppiacei e loro analoghi sintetici (Oppio, Eroina, Ossicodone, Metadone, Buprinorfina, ecc.). Il farmaco non è tossico, sicuro e non crea dipendenza.

 


Inserimento dell’impianto dall’alcolismo o dalla tossicodipendenza crea un’efficace concentrazione di un farmaco-bloccante farmacologico nel corpo, inibisce il desiderio di assumere tensioattivi, mantiene una condizione stabile del paziente.

Fa attenzione e sta’ all’erta: il risultato dipende da questo!

P.S.! NECESSARIAMENTE CONSIDERI!!! L’inserimento dall’alcolismo o dalla tossicodipendenza dovrebbe passare esclusivamente in una clinica specializzata da un medico NARCOLOGO certificato, se al suo interno è presente un’unità di terapia intensiva sterile e attrezzata, serve per evitare di complicazioni e infezioni secondarie!!! Usi solo farmaci certificati!!! Obbligatoriamente familiarizzi con l’imballaggio, verificarne l’integrità, la conformità del contenuto!!! ATTENZIONE!!! Sul territorio dell’Ucraina esistono forme prolungate di farmaci esclusivamente in forma di soluto butirrico per somministrazione intramuscolare (per un periodo di 1 e 2 mesi), in forma d’impianti di deposito per somministrazione chirurgica sottocutanea (per un periodo di 3, 6 e 12 mesi) e in compresse (12-24 ore).

 


P.S.! Non fatevi ingannare sulla corrispondenza relativa di “impianto” stesso, sulle modalità della sua introduzione e sui tempi dell’effetto terapeutico!!! Non esistono forme prolungate di farmaci antialcool e antidroga per uso endovenoso, il loro effetto terapeutico attivo non può essere di 3, 5, 10 o più anni!!! Può fare molte ricerche su Google!!!

Preparazione per un blocco farmacologico d’alcol e da tossicodipendenza

Le procedure per “inserimento” il farmaco iniziano con:

 

  • Primo appuntamento con un narcologo, visita da un anestesista (gratuitamente);
  • test di laboratorio (analisi chimiche del sangue, test per il contenuto di alcol e/o droghe nelle urine, nel sangue, ecc.);
  • diagnostica completa del corpo (studi strumentali – ultrasuoni, elettrocardiografia);
  • valutazione della salute mentale (disturbi psicopatologici);
  • determinazione del grado di dipendenza (presenza di lesioni fisiche e psichiche, disturbi).

 


In caso d’intossicazione acuta al momento della consultazione, condizioni pericolose per la vita, disfunzioni fisiologiche o psicologiche – si raccomanda:

 

  • disintossicazione preliminare del corpo (sollievo dei sintomi acuti di astinenza);
  • stabilizzazione e ripristino di organi e sistemi interessati, funzioni alterate dell’organismo – ripristino delle funzioni del tratto gastrointestinale, del sistema nervoso, del fegato e dei reni con l’uso di medicinali certificati e apparecchiature autorizzate (3-10 giorni);
  • supporto psicoterapeutico di tutte le fasi della preparazione;
  • altre metodiche secondo indicazioni.

Metodi d’inserimento dell’impianto d’alcol in clinica

Dopo un consulto con gli specialisti specializzati, se necessario di fasi preparatorie, viene assegnata una procedura d’inserimento dell’impianto.

 


Si svolge in un reparto sterile specializzato e preparato in anticipo, da un medico specialista – un narcologo secondo un programma preselezionato.

 


Alla nostra clinica si usa i metodi di d’inserimento dell’impianto combinati.

 


Usano solo impianti di deposito certificati: Disulfiram, Esperal, Naltrexon, (prodotto negli Stati Uniti) o preparati per uso intramuscolare Vivitrol (prodotto nell’UE), Tet Long (Ucraina).

 


Dopo 8-12 ore il “inserimento dell’impianto dall’alcol” (a base di Disulfiram), il paziente viene sottoposto a un test-provocazione fisiologico – un test di suscettibilità all’alcol, che conferma il suo effetto con un’ulteriore “codifica dall’alcol” di rinforzo. La procedura s svolge esclusivamente nella stanza di terapia intensiva da un anestesista-rianimatore esperto.

Supporto e controllo del trattamento

Durante l’anno successivo, dopo aver completato l’intero ciclo di trattamento presso la clinica MedicoMente, il paziente è sotto monitoraggio ambulatoriale. Il paziente è in contatto con uno specialista specializzato, periodicamente si svolgono gli esami di controllo e consulenze. Per motivi medici, è possibile continuare l’uso di un impianto bloccante prolungato.

Controindicazioni “all’inserimento”

È possibile usare un blocco farmacologico dall’alcol a Kiev solo in assenza delle seguenti controindicazioni:

 

  • Gestazione, allattamento (lattazione);
  • Malattie patalogiche (oncologia ecc.);
  • Disturbi acuti del sistema cardiovascolare (infarto);
  • Disturbi acuti della circolazione cerebrale (ictus, emorragia);
  • Insufficienza epatica acuta, insufficienza renale, cerosi attiva;
  • Esistenza d’infezioni cutanee nel sito d’impianto proposto;
  • Malattie e disturbi mentali (schizofrenia, demenza);
  • Intolleranza individuale ai farmaci (a base di Disulfirame e/o Naltrexone), dopo ulteriori test.

Il prezzo dei servizi d’inserimento della clinica MedicoMente, Kiev, Ucraina

Il costo dei servizi nella clinica è ottimale sul territorio dell’Ucraina, tenendo conto della qualità delle procedure eseguite, del grado di comfort, delle qualifiche del personale, delle attrezzature mediche e hardware della clinica, della disponibilità di licenze appropriate, certificati e permessi.

 

Il costo di blocco farmacologico dall’alcol e dai droghe ed altre procedure correlate (disintossicazione, ripristino del corpo, psicoterapia) viene compilato individualmente per ciascun paziente.

A cosa fare attenzione dopo il inserimento

Conseguenze negative dopo il ” inserimento” possono verificarsi solo nel caso di consumo di bevande alcoliche e prodotti contenenti alcol.

 


Sullo sfondo di un bloccante dell’alcol, il paziente che subisce l’influenza dei bloccanti chimici reagirà immediatamente e il paziente sentirà un pronunciato disagio con le conseguenzi adeguate:

 

  • forti mal di testa;
  • convulsioni, assalti;
  • nausea, vomito.
  • reazioni allergiche;
  • attacchi di panico;
  • interruzioni del il lavoro dei sistemi cardiovascolare e respiratorio;
  • perdita di coscienza, collasso.

 

 

Questa è solo una parte dei sintomi che possono insorgere sullo sfondo di una ricaduta, gli specialisti della clinica sono costantemente in contatto con i pazienti e con i loro cari, con l’aiuto di corsi di formazione e monitoraggio, supportano costantemente i pazienti e sono pronti ad aiutare.

 


Prima della procedura, gli specialisti della clinica forniscono un supporto informativo completo al paziente sulle possibili conseguenze del contatto con l’alcol, vengono firmati un consenso informativo aggiuntivo e un accordo bilaterale con la clinica.

Dove si svolge la procedura?

Tutte le procedure si svolgono nella clinica ospedaliera specializzata “MedicoMente” – centro medico per l’addictologia moderna, Kiev.

 

Il nostro narcologo si trova a Kiev all’indirizzo:
08340, regione di Kiev, distretto di Boryspil, villaggio di Gnedin s/t “Kalina”, str.Medova, 10

 

I condizioni confortevoli, il personale attento, la riservatezza, la sicurezza contribuiranno alla Sua pronta guarigione.

 

 

Opzioni di registrazione:

 

 

 

Un trasferimento avviene dagli aeroporti di Kiev.

 

Datevi la possibilità di conoscere la gioia di una vita sobria e sana!

Recensioni dei pazienti sul trattamento della dipendenza

Altri trattamenti

Trattamento della dipendenza d’antidepressivi nella clinica MedicoMente

Gli antidepressivi sono i farmaci psicotropi che normalizzano il sistema mentale e nervoso. Mirano ai sui neurotrasmettitori, riducono la gravità dei sintomi depressivi e migliorano le capacità cognitive. Alcuni degli antidepressivi hanno un marcato effetto analgesico.

Leggi di più
Trattamento della sindrome post traumatica (SPT) nella clinica MedicoMente

Nella vita di ogni persona ci sono eventi che in un modo o nell’altro lasciano un segno nel suo stato mentale. Se lo shock è stato particolarmente forte o la persona ha un background emotivo instabile, allora potrebbe sviluppare SPT – sindrome post-traumatica.

Leggi di più
Trattamento della dipendenza da benzodiazepine nella clinica MedicoMente

Le benzodiazepine sono usate frequentemente con effetti sedativi, ipnotici, anticonvulsivanti e ansiolitici. Questi farmaci riducono l’attività dei neuroni, fornendo un pronunciato effetto sedativo.

Leggi di più
Trattamento della dipendenza da oppiacei | MedicoMente

Gli oppiacei sono noti all’umanità da molto tempo. Erano usati come sedativi e anestetici. Ma, a causa delle complicazioni e della rapida dipendenza, questo gruppo di droghe è passato alla categoria delle droghe pesanti e l’uso in medicina è sotto indicazioni rigide e controllo rigoroso. La nostra clinica aiuta correttamente…

Leggi di più